Stemma Titolo








Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!
Web accessibility initiative

Ciaruffoli Pierino


Gif Penna

Vogliamo fare omaggio alla persona che meglio di tutti noi incarna lo spirito di Petrara e ne venera la sua bellezza, come piccola oasi di pace; Lo presento con le sue stesse parole:

[...]

Sono Pierino Ciaruffoli, nato a Petrara il 21.06.44 - figlio di Fulgenzio e Profiri Alda, quando i bombardamenti della II guerra mondiale stavano per finire.
[...]
Terminate le scuole elementari, frequentai la scuola di avviamento professionale di Pergola; a diploma conseguito, si trattava di scegliere se fermarsi o continuare gli studi: confortato dall’appoggio morale di mia madre, affrontai gli esami di ammissione a Fabriano per frequentare i 4 anni di maturità per perito. Quando tutto sembrava andare per il senso giusto mio padre fece un consulto di famiglia, dalla quale non mi è mai mancato il mangiare, ma la cosa che è sempre scarseggiata in casa era la lira. Per rimanere a studiare a Fabriano occorrevano allora 30.000 lire mensili di solo pigione, senza considerare spese di viaggio e libri. Le possibilità economiche non mi permisero questa mia scelta e dovetti ripiegare sulla scuola professionale di Pergola INAPLI (ex POA) (adesso si chiama C.N.A.I.P.). [...] la scuola finì nel 1959 [...] il sottoscritto (partì) per la Francia. Era il 24 dicembre 1960, vigilia di Natale e avevo 17 anni. Munito di carta di identità con visto turistico, e valigia di fibra verde, mi avventurai al viaggio in treno verso Milano, stazione centrale, da dove mi imbarcai su un altro treno internazionale diretto per Bruxelles. Arrivato a Basilea, erano le 1,30 del mattino, a stento, per motivi di lingua, riuscii a farmi capire che io ero diretto si al Nord della Francia, ma dovevo scendere a Valenciennes. Fui costretto a cambiare treno una seconda volta, con problemi di dogana, la mia valigia fu aperta dal personale della finanza, controllata, richiusa a malapena, appena il tempo di salire sul terzo treno che finalmente mi portò a destinazione; ma covavo già nel cuore la violenza subita. Iniziai il mio primo giorno di lavoro l’8 gennaio. Fresco di scuola, dotato solo di buona volontà, poca esperienza professionale e poca preparazione linguistica. [...] Con il passare dei mesi entrai nelle simpatie dei francesi, e nell’ultimo periodo acquistai fiducia e rispetto. In quel periodo, esattamente il 21 luglio 1962 mi venne per caso in mano la rivista "La Domenica del Corriere", nel leggere questo gradito giornale italiano trovai un’inserzione: "Olivetti assume operai". Senza pensarci due volte, inoltrai la domanda con residenza però a Petrara di Serra. Il 29 agosto dello stesso anno tornai in ferie e il 3 settembre, giorno di S. Albertino, festa di Fonte Avellana, mi giunse la comunicazione da Ivrea di presentarmi il giorno dopo per prove ed eventuale assunzione. [...] Affittai in via S. Ulderico, 4 un modesto all’oggetto ammobiliato; composto di cameretta, cucina e servizi. [...] Il 23 luglio del 1967 mi sposai, formando una nuova famiglia; mi trasferii a Samone Canadese, paese nella cintura di Ivrea.[...]

[...]

["La giostra dei ricordi", P.Ciaruffoli]




Le peripezie della vita costrinsero Pierino ad una lontananza forzata, che continua tuttora; Ma lo spirito di Petrara vive e vivr sempre in lui.

Valle Giombi prima e dopo la pioggia


Gif Pioggia Valle stretta
Valle grande

Petrara mia
Petrara bella

Dal Grottone
alla Cerquella

Il Brecciaio
L’Aia Vecchia
e la Civitella

Piaggia Maggio
e la Gingualdese
mi sussurrano
sei un bel paese

Valle verde dei miei sogni
dal cielo azzurro
pieno di stelle
la mia mente
si confonde
e qui si perde

Il Sasso a Mon di Roma
fanno da sponda
alla nube vagabonda
che va verso il mare
a rifornirsi d’acqua e poi tornare

L’Aia di Giovanni
con tuoni e lampi
fa un gran rumore
e tutta la valle poi bagnare

Gif Sole Il Torrino
il Colle della Castagna
danno ponte ad un grande arcobaleno
sopra il quale rispunta il sole
a riscaldare
e la bella valle
asciugare

Ricantano i galli
fringuelli e cicale
L’abitante chiuso
l’uscio
la televisione
sta a guardare

["Dal Grottone a Valle-Amor di Paese",
P.Ciaruffoli]





Di l e di qu dal fosso


Gif Valle Dal Grottone al Mulinello
appoggiato al greppo c'è il Pianello
ai suoi piedi il pradello.

Di rimpetto colrosso, il serrone, il ginestreto.
Superato il Bitfosso e la Cerquella,
non dimentico la Casella.

Al levar del sole le Coste,
fanno da specchio alla Cottarella
è per me difficile dire, chi delle due è la pi bella.

Andando avanti verso il Grottone,
c’è la Focetta e la Foce Alta.
è bella una, ma niente manca all'altra.

Il poggio, le capanne, il sasso e Valdicanale,
sono la nostra spina dorsale.

La ravelunga e la Civitella
mi danno breccia, per dire ancora (SI)
Petrara mia quanto sei bella.

Se saltando di qua e di là dal fosso ho sconfinato
in eccesso
chiedo umilmente scusa di pi non posso.

[26/08/96- "Dal Grottone a Valle-Amor di Paese",
P.Ciaruffoli]





Scarica il materiale




La giostra dei ricordi Versione da leggere * Versione fronte/retro **
La giostra dei ricordi miniatura Gif Download Gif Download


Dal Grottone a Valle
- Amor di Paese -
Versione da leggere * Versione fronte/retro **
Dal grottone a valle miniatura Gif Download Gif Download



* La versione "da leggere" è in un formato adatto alla sola lettura (non consentirà nessuna operazione al difuori della semplice lettura);
** La versione "da stampare" invece è in formato "fronte/retro" (permetterà sia di leggere che stampare il documento a "libretto").
Entrambe le versioni vengono distribuite mediante archivi compressi (.zip), in formato .pdf. Il materiale è coperto dal diritto d'autore e non può essere ridistribuito.